ByHeriNet
 
Titolo: Byzantine Heritage Network

PARTNER 3 MEMBER-STATE: Yes
  COUNTRY: Italia
  REGION: Puglia
NAME OF ELIGIBLE BODY: PROVINCIA DI LECCE CODE *
  LECCE PROVINCE  
LEGAL STATUS: PUBLIC  
TAX NUMBER: 80000840753  
TAX OFFICE: (if applicable)  
Eligible VAT Yes      
WEB SITE: www.provincia.le.it  
LEGAL REPRESENTATIVE: NAME: PELLEGRINO GIOVANNI
  POSITION: PRO-TEMPORE PRESIDENT 
  ADDRESS: VIA UMBERTO I, n. 13 - 73100 LECCE - ITALY
  TEL. No: 0832 683 214
  FAX: 0832 683 352
  E-MAIL: farena@provincia.le.it
PROJECT MANAGER NAME: CASSIANO ANTONIO
  POSITION: EXECUTIVE of Museums and Cultural Activities Office
  ADDRESS: VIALE GALLIPOLI, n. 30 – 73100 LECCE - ITALY
  TEL. No: 0832 683 598
  FAX: 0832 304 435
  E-MAIL: acassiano@provincia.le.it; altempesta@provincia.le.it



Breve profilo ed esperienza nel settore
La Provincia di Lecce partecipa a questo progetto in rappresentanza del Museo provinciale, e nello specifico in rappresentanza del Museo della Civiltà Bizantina situato nell’abbazia di S. Maria di Cerrate.
Il Museo ha un personale composto da 36 unità impiegate full – time: di queste 20 sono operatori culturali con mansioni di tutela, 4 archivisti, 4 restauratori specializzati in vari tipi di materiale, un archeologo specialista, uno specialista storico dell’arte, un direttore del museo, un addetto all’ufficio amministrativo con mansioni organizzative, uno specialista in contabilità amministrativa e 2 operatori informatici.

Cerrate, Abbazia (facciata)
Figura 46: Cerrate, Abbazia (facciata)

Nella struttura del museo ci sono laboratori specializzati nella realizzazione di affreschi, pittura, opere d’arte in legno e pietra, metalli, lavori archeologici, documenti e un laboratorio applicato al patrimonio culturale. Il Museo, inoltre, ha una biblioteca con oltre 10.000 volumi e riviste specialistiche di archeologia e storia dell’arte, ed un archivio di foto antiche e attuali di oltre 20.000 materie, in parte consultabili on – line.
Oltre a partecipare a stage di formazione e aggiornamento organizzati con i fondi della Provincia e le risorse del Fondo sociale europeo, il personale segue corsi di alta formazione che riguardano diversi ambiti. Tutto il personale, a parte i diversi consulenti scientifici del museo e i collaboratori nei laboratori di restauro, sarà coinvolto nel presente progetto. E’ opportuno considerare il contesto di S. Maria Cerrate, un’abbazia italo-greca costruita nel XII sec. in aperta campagna e circondata da 7 ettari di ulivi e piante di sidro. All’interno dell’edificio di un’antica masseria, oltre ad una sezione antropologica, c’è una sezione dedicata alla civiltà bizantina dell’area salentina.

L’abbazia rappresenta il punto di partenza principale per qualsiasi itinerario turistico e culturale attinente il periodo bizantino, prendendo in considerazione la parte nord del salento fino a S. Maria di Leuca, ma anche da Lecce alla zona nord dell’Apulia. La provincia di Lecce si è caratterizzata per un’attenta politica verso il patrimonio culturale presente nella regione, conosciuto inizialmente come la provincia della terra d’Otranto e in seguito come provincia del Salento.

Negli ultimi anni, in particolare, una serie di progetti pubblicizzati e finanziati dalla Provincia di Lecce, mirano al recupero ed alla valorizzazione delle numerose testimonianze della civiltà bizantina.
Con il progetto “La provincia restaura”, sono stati restaurati a partire dal 1995 affreschi che risalgono dal IX al XIII sec. nella cripta della chiesa di S. Maria Cristina in Carpignano Saletino, a Favana a Veglie, nella chiesa di S. Stefano a Vaste, di S. Salvatore a Sanarica, di Celimanna a Supersano, di Assunta a Merine, di Madonna dei fiumi a Recale, di S. Maria della croce a Castrano, etc.
Il restauro è stato realizzato da esperti del laboratorio del Museo di Castromediano supervisionato dalla soprintendenza. Con i finanziamenti del CUIS è stato realizzato il progetto “Gli strati pittorici delle chiese bizantine presenti nella penisola salentina mediante spettroscopia RAMAN: analisi, studio e catalogazione”, avvalendosi anche dell’apporto dell’Università di Lecce tramite gli studi di storia e tecnica del restauro, storia dell’arte bizantina, chimica analitica dei materiali e chimica applicata al patrimonio culturale.

Attualmente si lavora sul progetto editoriale “Salento medievale”, con il CRSEC di Martano, alla catalogazione dei monumenti bizantini e alla realizzazione degli itinerari storico-artistici della civiltà bizantina e della civiltà tardo-medievale nell’area del salento.
Nell’immediato futuro sarà realizzata la risistemazione della sezione bizantina nell’abbazia di S. Maria di Cerrata.

Cerrate, Abbazia (interno)
Figura 47: Cerrate, Abbazia (interno)